PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Miseria e nobiltà

Il pane
scarseggia
se lavoro
non v'è
o sottopagato
è.
Ma i grattacieli
che spavaldi
s'alzano
fino al cielo;
i ponti,
che orgogliosi
le opposte rive
uniscono;
le strade
che ovunque
ormai portano;
non ci sarebbero proprio
senza le braccia
ed il sudore
del rozzo operaio.
Dai campi
una spiga di grano
non caveresti,
senza la mano
dell'esperto,
e spesso analfabeta, contadino.
Mentre colui
che solo banconote
conta,
e la sua unica fatica
è,
cara la pagherà
in quel Giudizio ultimo
che verrà.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • loretta margherita citarei il 02/05/2011 21:57
    non entrano nella cruna dell'ago, piaciuta
  • Anonimo il 02/05/2011 20:46
    Poveracci questi ricchi.. ti stanno proprio di traverso
  • Giacomo Scimonelli il 02/05/2011 20:18
    amico mio incrociando le braccia però sai cosa succederebbe! e poi molti per paura non lo farebbero mai... lo sai che le pecore sono le più facili prede in mano ai pochi lupi... l'unione fa la forza si dice... ma l'unione dovrebbe essere totale... sarebbe bello... un sogno...
  • Don Pompeo Mongiello il 02/05/2011 20:16
    Ancora una volta voglio intromettermi, spero che no sarà poi una mia abitudine, ma il tema lo richiede, se da sempre è così, non significa che così dovrà essere in eterno. iMMAGGINATEVI SE QUESTE PERSONE INCROCIANO LE BRACCIA E DICONO BASTA!
  • Giacomo Scimonelli il 02/05/2011 18:17
    una sacrosanta verità la tua... ma da sempre è così... il povero ed ''ignorante''lavoratore è sempre rimasto tale... complimenti
  • Don Pompeo Mongiello il 02/05/2011 14:33
    Questa volta mi devo intromettere, per dire che voi tre de fatto avete completato e capito questa mia opera. Quindi è un bravissimo più a voi che a me, seppur l'ho concepita.
  • Anonimo il 02/05/2011 13:57
    Molto apprezzata questa poesia... una specie di monito alla società della cosidetta nobiltà, quella del benessere che dimentica troppo spesso il lavoro umano che non riesce comunque a togliere dalla miseria la vita di queste braccia... bravo, Don. ciaociao
  • Giusy Lupi il 02/05/2011 13:43
    Bellissima...
    Cara la pagherà
    in quel Giudizio
    ultimo che verrà...
    Grande Don,
  • Vincenzo Capitanucci il 02/05/2011 12:42
    Splendida Don... e son proprio gli Indiani a pulire i vetri dei grattacieli.. loro non soffrono di vertigini... erano uomini liberi abituati a correre insieme al vento... sulla pista dei bisonti..

    povere ed umili braccia.. sottopagate... hanno costruito le bellezze ed il confort.. di questo mondo..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0