accedi   |   crea nuovo account

La vecchiaia

Vegliardi ricordi di tempi che furono,
silenti,
come una sera d'estate.

Ed unica espressione
che sfugge tardiva
per il tanto rimpianto
esser amati è

un rivolo freddo e chiaro,
sul guance vizzite,
che malinconico
scorre.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti: