PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La vecchiaia

Vegliardi ricordi di tempi che furono,
silenti,
come una sera d'estate.

Ed unica espressione
che sfugge tardiva
per il tanto rimpianto
esser amati è

un rivolo freddo e chiaro,
sul guance vizzite,
che malinconico
scorre.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti: