PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nero d'Africa

Navigo in obliquo contro
libeccio ma non approdo
al sogno antico dell'Africa.

Petrolio, diamanti, guerre.
Pancie vuote, carni secche.
Occhi ciechi di futuro.

Bambini non correte
che poi vi viene fame.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • cometa il 29/01/2012 15:50
    Tanti motivi per quel nero d'africa, ma complimenti, essenziale e nitida.
    Cometa
  • Anonimo il 17/05/2011 17:46
    infatti dalla tua poesia si evince questo senso di povertà ... ancora complimenti...
    per i commenti arriveranno vedrai...
  • Pepè il 17/05/2011 17:34
    Meno male che sei arrivatu tu a darmi un po' di soddisfazione su questa poesia. Non mi sembrava così terribile. Pensa che ho voluto dare l'idea di povertà anche diminuendo di un verso e di una sillaba l'ultima strofa.
  • Anonimo il 17/05/2011 16:30
    l'avevo capito... bravo Pepe... un tema forte descritto bene con pochi versi... spero arrivino altri commenti
  • Pepè il 03/05/2011 18:39
    PS la chiusa è una citazione di Giobbe Covatta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0