accedi   |   crea nuovo account

Il mare

Or sei placido, d'innanzi a me
ma io so ben
che a un mio batter ciglia
tu già potresti esser
un crepitante tumulto di flutti

la brezza ti pettina
lievemente
l'onde increspate,
che s'infrangono al limitar di loro vita
su una mesta battigia

gli scogli aguzzi guardan
da lontano,
prima l'acqua e la spuma
e poi, severi, paiono borbottar
dai gorghi, pian piano

un piccolo granchio sopravanza timido
sulla cupa spiaggia
poi,
sparuto da un inatteso latrato,
torna lesto al suo anfratto, acquattato

una barca
che sembra navigar sul
filo dell'orizzonte,
tira le reti sul ponte:
pesci d'ogni genere son
costretti a trovar la morte
chiudendo gli occhi in un mondo estraneo

alzo il capo a un garrito:
un cereo gabbiano
porta con sè tanta speme
volando libero sotto un cielo
colorito

tu, o mare, ci mostri le Tue
emozioni,
e certo una
tal visione non si può che
amare, poichè ognuno di noi
dentro sè,
ha il proprio mare.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti: