PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Coltelli d'Italia

Che bello festeggiare il grande evento
La nascita del mercato nazionale
A Torino, me l'han detto, con bandiere nuove al vento
A Reggio nell'Emilia col maiale

A Roma chiusi e tremanti in un convento
Ed infine a Napoli Palermo e in Aspromonte
A tirar sassi ai liberatori
Garibaldini, Re Vittorio e a tutti quanti gli amici dei
Questori.

 

1
4 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 09/10/2016 05:27
    apprezzata... comlimenti.
  • Don Pompeo Mongiello il 30/10/2013 16:07
    Una cosa è certa, l'umore di questa tua ci accheta dall'Etna a Campione d'Italia. Bravissimo!

4 commenti:

  • augusto villa il 28/06/2011 14:29
    Vera e ben scritta!
    --------
  • loretta margherita citarei il 05/05/2011 09:16
    piaciuta
  • vasily biserov il 04/05/2011 19:56
    triste verità dell'Unità d'Italia... bravo!
  • Janco B. il 04/05/2011 19:47
    Cioè, della serie man mano che scendo l'ostilità sale... L'unità è un mercato al vetriolo neh... Ma la volevamo solo noi 'st'Unità?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0