PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La Musa Notturna

Ti temo e ti bramo, estate, sei rovente,
mi spaventi con le tue giornate di sole
e con le notti piene di stelle.
Cerco d'esserti indifferente,
ma sono il tuo girasole,
ho bisogno delle tue stelle.
Nelle tue notti prego a volte,
ma a nessun Dio mi rivolgo,
le mie parole sembreran' stolte
ma chiedo solo clemenza alla Luna,
che non si vanti della sua lucentezza,
alimentando la mia insicurezza.
Lei,
che mi osserva candida dall'alto,
lei,
che brilla come nessun altro,
lei,
che con le sue sorelle
si specchia nelle mie pupille.
Superba illumina la notte,
ed io non posso che ammirare
il suo intenso brillare.
Spero solo che un giorno,
aiutato da una positiva brezza,
io possa aver almeno la metà
della sua lucentezza.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Alessandro Valentino il 05/08/2011 21:03
    grazie virginio... e comunque sono d'accordo con te, senza sogni la vita non ha senso quindi sognerò fino al mio ultimo respiro!
  • Virginio Giovagnoli il 25/07/2011 17:28
    Bella, anche tu come me sarai sempre un grande sognatore.
    Cosa sarebbe la vita senza sogni.
    Un salutone.
  • Falco libero il 13/05/2011 23:58
    Molto bella. Avere metà della sua lucentezza, magari!!!
    Complimenti
  • Anonimo il 09/05/2011 09:33
    bellissima Salva.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0