PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fuoco a doppia lingua

Reale è l'attrazione che subiamo dalla terra...
il giorno, la notte e poi di nuovo il giorno...
le tenebre nei cuori più lucenti
di chi è in gabbia in una stanza...
le lacrime di un forte e fiero uomo
nel rifugio estraneo al mondo...
l'anima e il bisogno di riporla
nelle mani di un buon Dio...
il nostalgico ricordo di un'infanzia
troppo lesta che a noi non più appartiene.

Noi... figli di stellari geometrie predestinate,
progenie dell'odio e dell'amore
come un fuoco a doppia lingua.

Reale è la coscienza di un errore
troppo grave sulle spalle...
l'ambizione di arrivare senza valida partenza...
divorarsi l'un con l'altro
corpo, anima e interiora...
per l'arte agonizzare senza soldi in una tasca...
sperare come angeli beati e redentori
di morire e ritornare...
la gioia e lo stupore di un tramonto
da mirare e rimirare.

Noi... figli di passioni permanenti o passeggere,
progenie di follia e di ragion pura
come un fuoco a doppia lingua.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 17/10/2016 13:13
    splendida.. complimenti.

1 commenti:

  • Anonimo il 12/09/2011 08:38
    hai trovato le parole e le immagini giuste. la poesia è autoconsistente e si regge che è una bellezza, non ha vuoti. Continua questa tua ricerca: è la sola cosa che posso e voglio dirti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0