accedi   |   crea nuovo account

Er primo de questo mese

Du' bruschette,
un po' de fave
e pecorino,
un bicchier
de rosso vino
de li castelli,
sur tavolo poi
la capoccia
pesante pesante
s'affloscia;
e te credo,
co' tutto sto ben de Dio
che dati ce semo,
solo en brazza
a Morfeo
finir poter;
ma a nesuno
male fatto
nun avemo;
eppur le stelle
a mille a mille
contamo,
e qui e la
quarche bianco topolino
appare.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 10/05/2011 07:56
    bellissima poesia... tanti complimenti.. Ste
  • Giacomo Scimonelli il 10/05/2011 07:52
  • denny red. il 10/05/2011 02:00
    Don, ma come fai..
    Bellissima!!! Bravissimo!!!

  • loretta margherita citarei il 09/05/2011 20:53
    applausi
  • laura marchetti il 09/05/2011 20:45
    bellissima!! un inno al primo maggio come solo tu sai fare
  • Vincenzo Capitanucci il 09/05/2011 19:27
    Un po' di fave.. pane burro.. e sale.. con un vino dei castelli romani.. mi sento volare e vedo topolini bianchi..
    Bellissima Don.. con tutto questo ben di Dio che abbiamo.. perché cercare poi di fare male agli Altri..
    meglio ronfare..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0