PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il 24 maggio

Per quanno
de sangue
le su' acque
s'enzozzanevo,
er Piave
li Fanti sui,
co' quer dorce scosciar,
senza niuna esitazione,
avanti annà
incitava,
e quinni
mormorava,
de mai fermarse,
a costo
de la vita propria,
e nun permette
a lo stranier
er piede
indegnamente mette
su la nostra
amata tera.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • loretta margherita citarei il 10/05/2011 22:32
    piaciuta molto, complimenti, un sacro pezzo della nostra storia
  • Vincenzo Capitanucci il 10/05/2011 18:49
    Molto bella Don.."zozzi" stranieri lo metterei tra virgolette... mi riporta in mente la Marsigliese... che detesto... che il sangue impuro bagni le nostre trincee..
  • Bruno Briasco il 10/05/2011 18:39
    Piaciuta e votata. Bravo!
  • Giacomo Scimonelli il 10/05/2011 17:21
  • Anonimo il 10/05/2011 16:46
    È ben accordata e si capisce la trama... ma magari potresti mettere qualche tag od una chiosa, caro Don... Quando scrivi in Vernacol-latinese

    Un abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0