PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Gioventù bruciata

Giungo al crepuscolo
col tormento nel cuore
volgo il mio sguardo
al tempo che...
Tu
giovane e spensierato
correvi ridendo
i campi della vita...
eppur non scovo
dove ho sbagliato
tutto ti ho dato
amore
carezze
libri e balocchi
vestiti belli
tanto calore
solo gli amici ho lasciato
di tuo gradimento
mi sono fidato
del mio insegnamento
senza pensare...
... il serpente
striscia in silenzio
s'insinua lentamente
s'avvicina di nascosto
compra la tua fiducia
ti regala la sua polverina...
... la prendi per gioco
insieme ai compagni
tutti insieme a provare
ecco la fine che ti fa divorare
spezzando in te la forza
di contestare!
adesso son qui a pianger me stesso
la rabbia in corpo
verso te...
maledetta polvere bianca.

 

2
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 19/05/2011 17:10
    un plauso a te Giuseppe, con la tua sensibilità, la tua razionalità ed il tuo saper far poesia su temi reali, sociali e crudi... fai sempre prendere coscienza del problema in causa...
    sempre BRAVISSIMO...!!!!
  • Anonimo il 18/05/2011 12:32
    ha ragione Nico... hai elaborato magistralmente un tema molto forte bravo
  • nicoletta spina il 13/05/2011 22:53
    Purtroppo è una triste realtà... che spezza la forza di contestare e la voglia di vivere la realtà. Bravo Giuseppe, tema difficile espresso poeticamente.
  • Anonimo il 13/05/2011 22:41
    Hai descritto una triste realtà.
    Bella, bella.
  • denny red. il 12/05/2011 03:00
    Una tristissima realtà, la maledetta neve.. in ogni angolo.. case palazzi... piazze parchi scuole, da tutte le parti.. vola pura pure su internet. é il male del secolo, uccide la mente..
    tutto.. e tutti.. che dirti.. caro giuseppe, dico solo.. che oggi come oggi.. ci vuole tanta fortuna ma tanta, e se non c'è.. può essere il ragazzo più bravo del mondo, e come dici tu, il giorno dopo.. inizia l'inferno... Ciaoooo.. Giuseppe,
  • Anonimo il 11/05/2011 17:39
    Una poesia che offre diversi spunti di riflessione, oltre a quello dominante, su cui dovremmo tutti interrogarci in prima persona.
  • anna rita pincopallo il 11/05/2011 15:38
    purtroppo le compagnie sbagliate spesso rovinano la vita di bravi ragazzi cresciuti con amore
  • loretta margherita citarei il 11/05/2011 14:58
    ottima, purtroppo accade, complimenti
  • Vincenzo Capitanucci il 11/05/2011 10:47
    Bravo Giuseppe... si trasmettono valori.. ma poi.. le cattive compagnie...

    .. mi sono fidato
    del mio insegnamento
    senza pensare... bisogna sempre essere vigilanti...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0