accedi   |   crea nuovo account

Padrone del tempo

Come se per lui non avessi mai occupato un pezzo della sua vita e quelle stagioni non avessero compiuto il loro abituale ciclo.
È primavera, per lui è una primavera preceduta da un'altra primavera.
Quelle stagioni, si son perse in quella che sarà la sua prossima estate, la sua estate; vivrà una stagione come fossero tre, senza di me.
Guarderà il mare e non ricorderà.
Guarderà il mare e non ricorderà che trecentonove giorni fa l'ha veduto a quattr'occhi, che a quattr'occhi più bello era, che il sole era più forte perchè quattro occhi son meglio di due.
Berrà e non ricorderà.
Berrà e non mi scriverà con lettere distolte che son la cosa più bella che ha.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Federico Montanari il 24/08/2011 16:13
    mi è piaciuto il vestito di questa nostalgia...
  • Anonimo il 19/05/2011 09:32
    uno csritto pieno di nostalgia... molto personale...
  • Bruno Briasco il 16/05/2011 12:28
    tenera, dolce e ben scritta. Brava. Ottimo esordio.
  • Mat S il 13/05/2011 12:19
    Bellissima e disarmante nella sua dolce e struggente semplicità
  • Anonimo il 13/05/2011 09:47
    bella scrittura... dolce storia...
  • Anonimo il 11/05/2011 19:19
    Complimenti per questa tua bella poesia. Condivido con Gianny... e benvenuta tra noi!
  • Anonimo il 11/05/2011 18:00
    Questo testo è dolcissimo. L'amore non corrisposto anche se fa soffrire è molto intenso. Ma non è servito solo a farti amare una persona che non ti ha ricambiata, è servito soprattutto per farti scoprire quanto tu possa amare e chi evitare di amare. Quando si ama qualcuno che non ci ricambia è un chiaro segno che quella persona non potrà essere nostra nonostante la dolcezza e la profondità del nostro amore... io credo che sia una benedizione. Molto bello il teso, bravissima e benvenuta a bordo
  • Sergio Fravolini il 11/05/2011 17:53
    Una descrizione bella e malinconica.

    Sergio
  • Marhiel Mellis il 11/05/2011 17:19
    Agata... la sofferenza d'amore rende più belle e sensibili e dal cuore poi nasce poesia che mai s'allontana o tradisce! Bellissimo leggerti e GRAZIE!
  • Auro Lezzi il 11/05/2011 16:56
    Una poesia triste direi struggente che scritta da una giovane ragazza da veramente un senso di ancora maggior sofferenza.. Ma sei così giovane ed avrai tante stagioni belle e piene di vita... Così come tu la vuoi... Leggo che sei di Salerno.. Io sono un vero cittadino del mondo... Ho vissuto diversi anni a Napoli e la considero la più bella città dell'universo, pur con le sue problematiche,
  • Anonimo il 11/05/2011 16:26
    Benvenuta in questo sito meravigliosi dove troverai autori non solo molto bravi ma pure galanti e pronti a darti con sicera spontaneità tutto l'aiuto di cui hai necessità. Qui è un incontro di anime. Trovo questo tuo testo molto dolce e passionale, brava.-

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0