PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Reggio Grande Madre

Reggio Grande Madre,
terra di antica storia:
leggende di miti solcarono i tuoi mari,
di grandi poeti fosti la musa,
note di zagara e gelsomino
nelle tue verdi primavere...
Lama sottile il tempo delle memorie.
Madre, piangi inginocchio
ferita al cuore,
orfana dei tuoi figli,
deserta di speranze,
sterile di offerte.
Rialzati!
Smetti di piangere,
o non potrai vedere
chi ha voglia di ricominciare.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Giusy Lupi il 12/05/2011 22:54
    Piaciuta brava. Ciao, ciao Giusy
  • Teresa Tripodi il 12/05/2011 08:27
    Sei fantastica Cla si che hai indovinato
  • Anonimo il 11/05/2011 20:46
    Grande Madre appellativo con il quale, veniva chiamata Gea dea della terra. Dalle caratteristica di un duplice aspetto: uno positivo -apportatrice di fertilità, e l'altro negativo dea dell'infertilità, della carestia. Paragonata ad una grande città BELLISSIMA METAFORA COMPLIMENTI Teresa
    PS spero di aver indovinato la chiave di lettura della tua poesia... altrimenti ti chiedo scusa... ma ho pur sempre letto una bella poesia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0