PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Veronica

Morbide le tue mani
che si posano sul mio capo stanco.
Bambina ferita sono stata
e tu, con la tua luce,
hai riempito i vasi dei miei fiori
che più non nutrivo.
Farfalla, che un giorno
ti librerai con ali nuove,
per scoprire quel mondo
che là fuori ti attende.
Occhi di bosco
si posano curiosi,
profondi come il mare
e pare che mi abbia dato
l'accesso a percorrere il cammino
che in essi si cela.
Sei una stella di luce
che mi pungola il cuore,
arrivata in un giorno di nebbia
a rischiarare le primavere
della mia piccola vita.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Giampaolo Angius il 11/02/2008 20:25
    Tenero auspicio. Serene 24 ore
  • Nunzia D'Andrea il 06/05/2007 12:03
    è dedicata a mia nipote
  • Anonimo il 05/05/2007 22:33
    molto bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0