accedi   |   crea nuovo account

Un uomo chiamato Che

C'è stato un uomo un tempo
che stava con chi perdeva
che lasciò uno stipendio da dottore
per la miseria
e la comoda vita borghese
per una capanna nel bosco
c'è stato un uomo un tempo
che credeva nella giustizia
che ogni frutto che dava la terra
fosse un frutto di tutti
credeva che tutti dovessero lavorare
ma che nessuno più
dovesse avere fame
credeva che la libertà
fosse un bene non negoziabile
ma sapeva dentro di lui
che finchè un uomo
sfrutterà un altro uomo
la libertà non potrà esistere
fu capace per inseguire un sogno
di privarsi di ogni altra cosa
che la vita potesse offrirgli
che non fosse la fede irriducibile
in un mondo migliore
pur sapendo che questo
l'avrebbe un giorno
condotto alla morte
cadde come un eroe
lui che agli eroi non credeva
sapeva guardare lontano
ed accorgersi di chi gli stava vicino
quest'uomo non è una storia
o una favola...
è esistito per davvero
aveva un nome ed un cognome
ma dalle sue parti
la gente lo chiamava "Che"

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Claudio il 15/05/2011 18:51
    Grazie a tutti dei magnifici commenti siete stati gentilissimi!! grazie ancora
  • Anonimo il 15/05/2011 13:45
    bellissima dedica complimenti
  • ELISA DURANTE il 15/05/2011 11:01
    Splendido ricordo di un guerrigliero i cui sogni si sono infranti.
    Mi viene in mente che anche Garibaldi fu un guerrigliero, e combattè in due mondi...
    Se sapesse come siamo ridotti...
  • franco picini il 14/05/2011 21:58
    Ricordare, anche in versi, per non dimenticare che si può essere diversi. Grazie!
  • vasily biserov il 14/05/2011 19:58
    molto bello questo omaggio!! bravo, hasta la victoria siempre

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0