PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

In riva al mare

Da picchi aguzzi plani
come rapace scendi lentamente
freme di piacere la tua pelle...
mentre il tuo cuore vibra

Vele distese e gonfie
in lontananza
gridi acuti di gabbiani tristi
graffiano del mio silenzio l'armonia

Acqua che sai di sale
voce di antiche storie raccontate
da sirene d'oro e turchese
mantellate

starei
seduta qui
per sempre
ad ascoltarvi.

 

1
9 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 27/10/2016 07:41
    apprezzata... complimenti.

9 commenti:

  • Maurizio Molinaro il 26/09/2008 12:45
    un bel quadro dipinto con le parole che mi riportano a scene vissute nela mia città. molto gradita, scritta bene e piena di emozioni. Grazie ciao Mauizio.
  • roberto mestrone il 19/05/2007 12:23
    Stupenda cornice marina...!
    Ti rileggerò certamente..- E anch'io spero di avere ancora il piacere del tuo commento.
    Ro
  • luigi deluca il 05/05/2007 19:05
    Non se se volutamente, o per caso, la grafica della tua poesia ha l'aspetto di un calice! Un calice, direi, tanto pieno d'amore! Brava!
    gigi
  • NICOLA RICCHITELLI il 04/05/2007 17:47
    carina
  • NICOLA RICCHITELLI il 04/05/2007 17:47
    carina
  • Nunzia D'Andrea il 04/05/2007 17:24
    bella la prima parte mi convince meno la seconda, con simpatia N

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0