accedi   |   crea nuovo account

Acqua chiara

Lulù
resti così
cucita ai miei ricordi
ricci di rame e pelle color luna
minuta fiamma
vela al vento nell'oceano dei tuoi occhi immensi
d'acqua chiara

d'innocenza era il tuo volo di farfalla
intrisa nella pioggia
del destino,
primula, tu, senza radici da innaffiare
fede radiosa
in cerca d'una mano
che saziasse di carezze la tua fame
ignara

ricordo l'alba
che illuminò le dita strette a una conchiglia
fiore di mare
divelto e profanato sulla spiaggia

cinque anni
senza futuro nè passato
vestiti solo del silenzio innaturale della notte
inorridita.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 17/02/2016 09:03
    Il pollice alzato l'ho messo io, a dimostrare che questa tua è eccellente davvero!

2 commenti:

  • Bruno Briasco il 29/05/2011 10:53
    Molto molto bella nella sua tristezza. Una evocazione che tocca il cuore, struggente poesia d'amore per chi s'è amata e forse... ama ancora.
  • loretta margherita citarei il 15/05/2011 17:53
    toccante poesia, molto bella anche se profondamente triste

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0