accedi   |   crea nuovo account

Il Dannato

Consumare il pasto della non curanza
e sentirsi invincibile nell'errore
è la virtù del dannato che tra lingue di fuoco
si avvelena di freddo interno.
Maledetto il tetto del mondo
che è ormai miraggio nell'odore della terra
per la dannazione del buono perduto.
L'inventore del poema nero
dai raggi luminosi di vita vera
è il dannato senza ali.
Il dannato è un angelo ferito
che nella caduta inventa stelle
per sentir l'anima vicina
e continuare ad amare... per sempre.

 

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 22/03/2014 02:27
    Molto apprezzata... complimenti.

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0