accedi   |   crea nuovo account

A mia madre

Icona di debito che mai potrò estinguere;
non ero meta del tuo sentiero antico.
Quando mi sbarcasti in questa vita
con un grido gioioso, felice fu mio padre.
Ma partecipasti anche tu a quella festa?
O mi mettesti al seno come una strega mesta
che allatta l’oggetto d’un occluso destino?
Ora ancora, mi porgi la tua mano
in questa campagna
dove mi conducevi,
dove erano olive tutti i tuoi rimpianti
e mi scartavi le dolci merende
come a volere schiudermi un passato…
Io neanche mamma:
un amore è lo stesso di un dolore
le colpe con te una condanna,
uno scontato sconto e niente più.
Chi ti sorride adesso? Chi ti ascolta?
Lo scialle avvolta ad un’anima gigante.
Nutri le tue galline e strazi i gerani.
Volgi senza fine la preghiera
ai tuoi ingrati e mediocri amori.
Della seconda vita, letto di immenso,
affetto posto sulla cresta di un baratro
cosa ti può esser dato ancora indietro?
E tu, in silenzio rinunci al tuo ceduto.
Cosa sono questi incorporei versi
quando gli stessi non posso ammazzettarli
chiedendoti perdono,
preludio a un altro
che ti chiederò?
Quando sai che mento al desiderio:
cambiarmi in vecchio per la tua gioventù.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • bruno saetta il 16/09/2008 16:23
    Davvero molto bella e sentita.
  • Cinzia Gargiulo il 11/05/2008 22:14
    Poesia molto intima che rappresenta un bellissimo omaggio per tua madre.
    Un abbraccio...
  • Maria Lupo il 11/05/2008 02:17
    Un doloroso amore, come spesso proviamo verso nostri genitori anziani o ammalati o scomparsi. Dubbi e rimpianti, una mancanza mai compensata. Bellissima.
  • sara rota il 18/05/2007 15:43
    bella, ben scritta, soprattutto preferisco la parte centrale...
  • antonio sammaritano il 07/05/2007 15:29
    Mi spiace, ma appare evidente dalle parole IMPIETOSA e il riferimento ai GERANI che hai letto in modo epidermico.
  • antonio sammaritano il 07/05/2007 15:28
    Mi spiace, ma appare evidente dalle parole IMPIETOSA e il riferimento ai GERANI che hai letto in modo epidermico.
  • celeste il 06/05/2007 21:30
    Straziante, impietosa. Non condivido. Mi spiace per i gerani

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0