accedi   |   crea nuovo account

Quei due aspetti di Te in un quantum d'Amore infinito

A volte
m'appari in forma
nella procacità del Tuo corpo

a farmi desiderare

una vita estravagante
fra i Tuoi merletti neri

di nozze ancestrali e fiori appassionati
dai castelli vaganti

in movimenti
di labbra immemoriali

amanti

della sensuale patina dei nostri sogni
in polveri crepuscolari

con Te
offerta in satinata perla d'egiziana bianca

il mio corpo esplode di piramidale realtà

ed arde in fiammate
fuorvianti
accarezzanti soli sfuggenti

la sabbia
d'agitati Templi

dune velate semoventi appariscenti di Te

Altre volte
con informe aspetto

m'accompagni
in unico identico deserto

così simile

a quel lato di mare segreto
da noi due conosciuto

mi colmi di pace

su spiagge di tenerezza
anche di notte mi parli

12

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 18/05/2011 15:32
    La tua arte è come entrare nell'infinito e magico mondo dei numeri primi, un viaggio nell'infinito, nel quale diventiamo frattali e interiorizziamo, altrettanto all'infinito, la bellezza dei doni che riceviamo e che, di riflesso, anche co-creiamo, in una danza esistenziale che non avrà mai fine semplicemente perché è divina.
    Forse cambieremo forma, ma non la sostanza
    Ciao Cap, ogni tanto passo con un misero commeto, ma leggo tutto tutto quello che scrivi
    Pe puro interesse personale, ovvio
    Un sorriso sbisighin
    nel
  • Anonimo il 18/05/2011 07:55
    Una poesia diversa, surreale ma con immagini talmente precise da riuscire a trasportare il lettore nel quantum di questo amore infinito. Grande... ciaociao magister. Sei una roccia poetica... un vento che si fa verso... un sentire che diventa parola.
  • loretta margherita citarei il 17/05/2011 22:08
    toccato dalla grazia dell'amore, zampillano le tue poesie, complimenti!
  • Anonimo il 17/05/2011 21:22
    rapiti in un'unica feconda morsa senza dare morsi per non intaccare un'amore così stupendo, sarai sempre il suo Eros. vedo questa poesia una dolcissima dedica alla donna cioè alla Propria Donna. bellissima poesia ciao Salva.
  • Elisabetta Fabrini il 17/05/2011 18:48
    Davvero un'opera sublime...
    Vincenzo sei proprio bravo...
  • Giacomo Scimonelli il 17/05/2011 18:44
    molto bella
  • Anonimo il 17/05/2011 18:01
    Magistrale opera d'amore e passione intrisa. Un applauso in versi di eterne emozioni e rapimenti. Bellissima e inchino
  • karen tognini il 17/05/2011 17:34
    Wouuuuu Vincenzo... senza parole... le hai usate tutte Tu.. io incantata ti dico...

    Bravissimo sei più unico che raro...!!!
    Un abbraccio
    karen

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0