accedi   |   crea nuovo account

Canto malinconico di un innamorato.

La primavera timida e leggera
il sole la mia stanza illumina e rallegra
gli occhi mi riscalda
mentre vola una farfalla.

Innanzi al sole apro le mie braccia
penso a te quando il sole si affaccia,
il profumo dei fiori mi accarezza il viso
quando penso al tuo sorriso.

Salgo sulla berlina potente
mentre il vento soffia da ponente
vado veloce lungo la via
sento che non ci sei più nella vita mia.

Malinconico vado per la città
passo sotto il tuo balcone e penso…
“chissà se mi vedrà?”
ma chissà perché più vedermi non vorrà.

Non si può esser felici a metà
dimenticar è impossibile ma questa è la realtà.
Conosco di già questo malessere
malinconico al mattino, la sera, pensi sempre “come può essere?”

Il sole, il vento il profumo della primavera
piangi perché sai che quel sogno non si avvera,
ti fermi davanti una croce in preghiera
le mani congiunte stringi, e un po’ ti risolleva.

Le foglie e i petali dei fiorellini
accompagnati dal vento il viso ti sfiorano e un po’ sorridi.
Le conchiglie sulla spiaggia, le stelline e i disegni
della nostra vita sono i ricordi più belli.

 

1
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Manuela Terzo il 25/03/2008 19:02
    vedo che le tue poesie hanno già suscitato aspre diatribe... beh per quanto mi riguarda non credo che bisogna giudicare nè il sentimento dell'autore, nè il suo stile: non esiste poesia bella o brutta, stile o non stile; una poesia può o meno comunicare un'emozione, tutto qua. la tua mi ha comunicato la malinconia d'amore, ma non posso non continuare a dirti che potresti davvero fare di più... un consiglio da "poetessa"
  • Luca Calabrese il 05/05/2007 16:15
    E non sapete le opere d'arti che scrive in privato il Sig qui in questione.. le educatissime e-mail che invia... che comunicherò allo staff!!! E che pubblicherò personalmente in questo sito al prossimo insulto!
  • Luca Calabrese il 04/05/2007 18:53
    Questa poesia si intitola "Canto malinconico in un innamorato". Non è un manuale che contiene termini di sofferenza o armamenti nucleari per la quarta guerra mondiale.. Vedo a leggere le tue opere... vediamo cosa sai fare tu...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0