username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Giardino de Roma

Moscio moscio,
co' l'arsura
che l'estate romana
ce porta,
de sudore fragico
inzuppato,
su per l'Aventino
annavo,
quanno de botto
l'orfatto mio
de profumo dorce
corpito fu,
e te credo,
rose antiche,
già dai Magni
conosciute,
de tutte le specie
e colori
staveno lì
lo passante
ad aspettar,
ma la vista mia
su la rubra rosa
de botto
se fermò,
e se ne innamorò.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 03/08/2011 14:27
    veramente bella questa dedica alla meravigliosa città... grazie
  • teresa... il 19/05/2011 19:19
    ma che bella don complimenti è la vitaaaa molto apprezzata davvero molto
  • Alessia Torres il 19/05/2011 18:21
    Le magie di Roma rivivono in questo tuo verace e singolare poema... Roma è unica anche nelle più piccole cose!
  • Kiara Luna il 19/05/2011 18:13
    Originalità in vernacolo romanesco... una chicca!!!
  • Maria Rosa Cugudda il 19/05/2011 17:56
    Letta con piacere, apprezzata particolarmente, complimenti!
  • loretta margherita citarei il 19/05/2011 17:40
    piaciuta, sempre originale, bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0