PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Femmina

Chi sei tu?
Osceno
Invadente
Pretendi la mia anima
Lambisci la mia carne
Famelico di cupidigia
Tormenti la mia volontà
Angoscia accennata
Inquietudine inesplosa
Brucia la mia pelle
Che un solitario pensiero
Ha sfiorato
Nuda
Nella sera
Legata alla tua voglia
Prigioniera delle tue fantasie
Divento puro piacere
Irrompono le tue parole
Ora dolci
Ora furiose
squarciando
Quieti sospiri
Di un amore consolidato.
Finché
Un piacevole dolore
Diffonde attraverso la mia pelle
Umida ed arrossata
Porta i segni delle mie
Impudiche mani. (a. m)

 

2
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • augusto villa il 01/03/2015 16:05
    Molto bella... e sono in linea col commento di Franco...
    Complimenti!
  • Anonimo il 02/06/2011 12:53
    Sconcertante
  • loretta margherita citarei il 20/05/2011 21:52
  • franco picini il 20/05/2011 21:44
    Sensualità complessa, costruita in un ordito di sentimenti anche contrastanti, comunque come in un gioco. Un gioco che finisce bene.
  • Anonimo il 20/05/2011 17:26
    Splendida


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0