accedi   |   crea nuovo account

Maggio

La pioggia di Maggio
è un distillato di malinconia.
Sperduto nel nero deserto
dove i sogni diventano tetre tentazioni
uccido me stesso.
Ma si può uccidere
un uomo che non vive più?
L'etere luminoso
martella i miei occhi.
Neri cristalli luminosi
sgorgano
dalle immani viscere della terra.
Le vene pulsano.
Il Re spodestato è morto
per immeritata sorte.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0