accedi   |   crea nuovo account

Un filo

A furor del cielo trema,
il mio ego,
e un pianto celeste consegue.
Rumore metallico di mille ringhiere,
io sento:e non vedo.
Vivo l'asfalto, umido e tale
da l'albo furor emulare.
Una sigaretta:si spegne,
a metà cade,
insieme col pianto
dal bianco candore
del lampo.

L'eterea atmosfera,
d'attesa e silenzio,
avverte il terrore vibrare.
Un passo in avanti,
ed uno all'indietro
si vive,
infinito tremore.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • giuliano cimino il 23/05/2011 10:26
    si vive su un filo... bellissima poesia..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0