accedi   |   crea nuovo account

Il puttano

Vivo la notte!

Artista fallito
consumo la vita.
Tra un whisky e un amore
offendo il mio cuore.

La notte è ruffiana,
la notte è golosa,
la notte è puttana.

La notte,
prendo la vita a morsi,
la notte,
vivo i rimorsi.
Le piccole ore
senza pudore,
il corpo che odora
di muschio e tabacco.
Sbarbato, agghindato;
sguardo invitante,
sorriso ammiccante.

Vendo coccole e amore
a Gay e Tardone,
depravati
a caccia di sballo,
una vita ferita
e portafoglio fornito.

Offendo il mio cuore.

Artista,
trasformista,
sono Lui,
sono Lei;
copione da Ermafrodito
in questo schifo di vita.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • mauri huis il 21/01/2012 18:24
    A me piace. Evitando la rima baciata hai anche chiuso alla grande il finale. Solo non capisco perchè tu abbia scritto offendo il mio cuore invece che vendo. Secondo me stona un po' nel tono generale dell'opera. Ma non t'offendere, mi raccomando, eh!
  • Ezio Grieco il 11/06/2011 09:08
    ... e Tu, squisita.
    ... sai Sabry, mi aspettavo che questo post venisse commentato di più, è evidente che questo sito, ma forse tutti i siti di scrittura, amano... commentare le solite "cose" mielate... amore, tesoro, la Luna, le Stelle; scritti fatti in serie, senza fantasia, fotocopiati nei testi e nelle storie.
    .. io tento di... raccontare fatti di vita, qualche volta mi riescono anche bene (dal mio punto di vista) e questo, evidentemente, non... suscita commenti.
    Mhà, mi adeguerò?
    La vanità del "poeta" preme perchè ciò accada, la razionalità dell'uomo se ne fotte e... tira dritto.
    Mi sono dilungato, ciao dolce e squisita... fanciulla.
    cl
  • Anonimo il 25/05/2011 01:24
    sei sempre speciale, Ezio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0