accedi   |   crea nuovo account

Una serata... esagerata

La mia Metà
si è infilata
in un pellegrinaggio
organizzato
dalla Parrocchia sotto casa;
tre giorni a Lourdes.
Miracolo!
Tre giorni da solo,
e vai!
Organizzo il mio di Pellegrinaggio!
Tre giorni Esagerati!

Sbarbato, docciato,
fresco di essenze
Dell'antica Erboristeria,
agghindato, truccato,
un poco di lifting casareccio
è essenziale dopo gli... anta,
macchina lavata e lucidata,
preservativo e Viagra;
e vai.

Un tuffo nella notte,
una notte esagerata.
Esagerata?
Esagerata un cazzo.

Ho girato tutta la notte,
discoteche, night, balere;
quattro sgangherate,
mezze fatte
o completamente ubriache,
un branco di stronzi,
come me allucinati,
a ronzare intorno
con lo sguardo di chi crede:
"sono il più fico".
Marionette ridicole,
fotocopiati nell'abbigliamento
e nell'odore di dopobarba scadente.
Mhà, sono quì;
mi butto.

Aggancio,
o meglio, vengo agganciato
da una Tipa
dal viso pulito:
Ciao, ciao!
Mi alita in faccia
un tanfo acidulo,
quello che emana il vuoto di una botte,
e un sorriso parlante:
vuoi darmi quattro botte?
Cazzo,
sono un cacciatore
mica una preda.

Mi è passata la... voglia,
di quella età,
io, ho una figlia.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 25/05/2011 19:07
    scritta benissimo e molto sentita
    non manca un pizzico di allegria
    in uno scenario desolante che narri
    bravo
  • loretta margherita citarei il 25/05/2011 18:46
    la vita del vitellone non ti si addice, sei onesto dentro, non si va con una che può esserti figlia, bella
  • vincent corbo il 25/05/2011 17:51
    Che vita esagerata!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0