PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Una chitarra tzigana suonava per me

Intrepida discesa
sconnessa e ripida
son caduto e poi rialzato
e poi caduto ancora
non sai il dolore che hai lasciato...
timidamente
cerco il tuo sguardo
sento ancora il calore del tuo corpo
in quel tango incandescente
che brucia nelle vene
al suono d'una chitarra impazzita tra le dita
che scuote anche l'anima
e ancora
e ancora e ancora...
giro intorno a te
m'inginocchio prendendoti la mano
m'avvicino ti cingo a me
le mie labbra sfiorano le tue
il nostro fiato s'unisce
ansimando
trepidando
sfuggendo
amando in un ballo infinito
e poi di colpo
sfuggi e scappi
t'allontani
mi lasci solo
nell'infinito destino che si destreggia
in un fiume infuocato
che brucia e mi domina
nell'eterna solitudine d'una canzone triste
suonata per me...

 

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 28/01/2016 06:59
    apprezzata... complimenti.

6 commenti:

  • ignazio de michele il 05/06/2011 20:41
    un ritmo incalzante costellato di sensazioni... terrene... piaciuta
  • angela testa il 25/05/2011 23:39
    dolcissima... pienadi emozioni... bellissime parole...
  • Anonimo il 25/05/2011 20:49
    Poesia passionale densa di emozioni, un affresco di sensazioni mirabili. Molto apprezzata anche nel lessico.
  • Anonimo il 25/05/2011 19:03
    molto bella e sentita... bravo
  • loretta margherita citarei il 25/05/2011 18:44
    splendida, 5 stelle, complimenti amicuzzu
  • Ada Piras il 25/05/2011 17:00
    Molto bella, un tango complice

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0