username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Figure

Sono solitario sotto alla pioggia
aspetto il sole come aspetto te
l'acqua bagna le mie vivaci vesti
ma sento l'umido sulla pelle

Sono solitario nella branda dei pensieri
aspetto il risveglio come aspetto te
l'oscurità inventa l'intervallo
ma sono sveglio con il tuo viso

Sono solitario in mezzo al pubblico
aspetto il break come aspetto te
gli applausi si accolgono con gioia
ma rimango fermo con le mani in mano

Sono solitario nella festa del paese
aspetto che finisca come aspetto te
i botti mi tengono pronto
ma sono immobile sulla strada

Sono solitario guardando il film aspetto
la sua fine come aspetto te
la musica delizia la visione
ma rimango sordo sul divano
Sono solitario con la mia poesia
aspetto la punteggiatura come aspetto te
i ragionamenti sono semplici
ma arrivo alla fine senza te

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Tony Golfarelli il 27/05/2011 10:13
    Sicuramente l'abbraccio è meglio di un poesia., ma una poesia è uno sfogo migliore dello specchio,,,
  • Giacomo Scimonelli il 27/05/2011 10:04
    ''... guardando il film aspetto
    la sua fine come aspetto te
    la musica delizia la visione
    ma rimango sordo sul divano
    Sono solitario con la mia poesia
    aspetto la punteggiatura come aspetto te
    i ragionamenti sono semplici
    ma arrivo alla fine senza te''

    con la poesia non si è mai soli.. almeno ci si può sfogare in versi... anche se in effetti sarebbe meglio la presenza fisica di chi amiamo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0