accedi   |   crea nuovo account

Timore 2000

Aristotele diceva che la speranza è un sogno fatto da svegli.
Ma se il frutto delle mie speranze,
non mi compare che in sogno.
io non son mai stato desto;
di certo lo preferirei.
Fuggo la lucidità,
nella mia detestabile insicurezza,
non posso che desiderarti
di rifflesso.

Echi e riverberi,
pixel sgranati,
forse,
io e te.

Ma la tivù sta rotta?

 

2
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Pepè il 31/05/2011 09:18
    Bella la chiusa
  • Enrico Cestaro il 27/05/2011 22:51
    ti ringrazio auro!
  • Auro Lezzi il 26/05/2011 08:52
    Certo una sofferenza ben espressa,,, Dai il perfetto senso del vuoto.. Sei cos' giovane, Vai oltre la poesia.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0