PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Come io ti vedo

Te ne stai seduto,
in cerca di un saluto.
Per te non esistono porte
perché riesci a vedere oltre.
La tua sensibilità
è la tua vera abilità.
Non hai bisogno delle gambe
perché riesci comunque a superare le rampe.
Come tutti cammini,
anche se ad altezza dei bambini.
Per noi puoi sembrare strano,
ma è invece un dono sovraumano.
Sono io a sentirmi inferiore
dinanzi al tuo bagliore.
Più sensi hai sviluppato
ed a loro ti sei aggrappato.
Noi invece dobbiamo vergognarci
perché di loro abbiamo smesso di fidarci.
Sei tu che puoi insegnare
ciò che noi non riusciamo ad osservare.
Quindi quella carrozzina,
non è la tua rovina.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • augusto villa il 21/06/2011 16:32
    Bella e simpatica... uno scritto che penso abbia fatto un sacco di piacere a chi l'ha ricevuto... Soprattutto se è stata scritta da una persona cara e vicina...
    Complimenti. ------------------------------------
  • Bruno Briasco il 27/05/2011 20:49
    Toccante... sentita... sono certo che la dedica saràpiù che gradita come gradita è la poesia scritta. Brava!!!!!!!!!!!!!
  • Giacomo Scimonelli il 26/05/2011 21:04
    sei stata molto brava ad esprimerti... bella ed apprezzata
  • Anonimo il 26/05/2011 15:49
    Un bel componimenti pieno d'intensità emotiva ed immagini accattivanti
  • Antonella Marseglia il 26/05/2011 14:18
    Ti ringrazio... questa poesia è stata scritta per mio zio e quindi per me molto sentita...
  • Francesca La Torre il 26/05/2011 14:15
    Bella e commovente, ben scritta, emana proprio amore e sensibilta', quelli veri. Complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0