PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Libero, come un piccione

Stavo seduto sul mio ramo ad ascoltare attentamente
le cazzate che andava dicendo la gente
impietrito sul mio ramo rimanevo ad ascoltare la gente
bugie, menzogne, nulla d'intelligente.

Inorridito spiegai le ali e mi alzai in volo
per andare lontano da questo luogo.
schifato per mezzo delle ali mi allontanai dal suolo
per staccarmi maggiormente da questo mondo.

Finalmente riuscii a provare quella sensazione unica
liberandomi dall'umana stupidità.
fui finalmente libero di riscontrare qualche novità
senza imbattermi nella solita mediocrità.

Sarò ripetitivo, sognatore e idealista
ma sono un piccione
e non me ne sbatte una minchia.

Sarò un piccione goffo, brutto e bastardo
ma tu non immagini il mio divertimento
nel cagare sulla tua auto.

 

3
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 18/08/2012 09:36
    ... mi hai ricordato un po'
    Povia e un po' Rousseau,
    bravo...

1 commenti:

  • Claudio il 28/05/2011 17:32
    l'unica vera libertà... quella che la nostra razza ha perduto da secoli e che gli animali forse meno evoluti ma più saggi si tengono stretti.. questa è davvero stupenda, non ci sono parole.. 30 con lode!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0