username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

A Teresa

Tu Teresa,
de la tera mea si,
capricciosa
nun dava
mancu na cerasa
e nu chicchu
e' granu,
quannu 'cchiu
ce lamentavamo,
tantu 'cchiu
asciuttu
ce lassava.
Lu bastimientu
li nuosti
aspettaveno,
per provà
oltre frontiera,
in chella America
a nuje
tanto scunusciuta
furtuna truvà,
avimmu purtatu
a pizza,
avimmu purtatu
l'ammoru,
ma lu cuoru nuostu
l'avimmu
lassatu
in Sicilia
o in Campania,
amara,
ma bella terra
nostra.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Ugo Mastrogiovanni il 29/05/2011 17:54
    La memoria dei tempi che furono, la terra natia, la chiave della nostra esistenza, memoria rispettosa e riverente nella quale, con l'aiuto di questi semplici e sinceri versi, l'autore rinnova parte della sua esistenza.
  • Bruno Briasco il 29/05/2011 12:10
    Nostalgica, evocativa... il cuore è rimasto alla terra natia. Bravissimo.
  • teresa... il 28/05/2011 13:35
    bellissima davvero complimentoni mi piace proprio
  • Giacomo Scimonelli il 28/05/2011 07:23
    musicali i tuoi versi... ben scritti... ed apprezzati
  • loretta margherita citarei il 27/05/2011 21:33
    bella dedica

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0