PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tempo

S'apprestano l'ore, s'appresta pure il giorno
e di lontano, un dondolìo s'una finestra, sordo
riluce il raggio d'un sole sconsolato e sbieco
che al traversar del tempo, che pur non fa ritorno,
gongola e tace, mentre sui rovi brace d'arido
destino giace al contempo beffardo e apatico
quel fato al cui volere da sempre tutto tace, odierno
zizzo, melodioso canto di tenero, innovativo tordo,
che a procurar dilemmi a tutto il mondo desta, cieco
criterio, capriccio con la mano sempre lesta. Torno
al pensiero del desìo al mattino, quello in cui perdo
sogni e paure tali che nemmeno più il ricordo cerco.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • manuela tosti il 22/05/2015 20:46
    La poesia l'ho letta in due modi diversi, e cioè sia velocemente che lentamente. Comunque sia, in qualsiasi modo la si legge è sempre emozionante e profonda.
  • mariacarmela cortese il 19/11/2011 12:14
    grazie erica...
  • erica frau il 16/11/2011 20:21
    bella anche questa complimenti
  • mariacarmela cortese il 12/11/2011 17:54
    ti ringrazio di cuore Dora
  • Dora Forino il 28/10/2011 12:16
    letta. commentata e votata.
    Torno al pensiero del desìo al mattino,
    quello in cui perdo sogni e paure tali che nemmeno più il ricordo cerco...
    Descrittiva ed apprezzata.
  • mariacarmela cortese il 29/05/2011 13:50
    grazie ragazzi...
  • Bruno Briasco il 29/05/2011 10:40
    Piaciuta e votata. Bravissima
  • loretta margherita citarei il 27/05/2011 22:12
    bella
  • Kiara Luna il 27/05/2011 21:36
    Un ben articolato raccontare il tempo annodato nei ricordi, molto bella veramente

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0