username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Speranza del mondo

Occhi che guardavano al di là del monte,
braccia che remavano più forte della corrente.
Tendevi la mano
per un mondo più sano.
Le generazioni contemporanee avevano fallito:
l'uomo rifletteva la sua immagine di potente senza Dio
sullo specchio dell'ipocrisia.
Cosa allora fare, dire, urlare
da una finestra aperta sul mondo...
di non imitare, nè elogiare
le barbarie messe in atto da un trono
largo per pochi e stretto per molti!
Cercare l'amore nei giovani,
creature innocenti e pure,
tabernacolo dell'entusiasmo della creazione,
porta che conduce a salvezza,
certezza della chiesa.
Una follia per chi cammina
sterile sulla dritta via,
gioia ed impegno
di chi sa di esser degno
della Parola proclamata da un vecchio
solo nel corpo,
che non invade ma trascina,
non costringe ma conquista.

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Raffaele Arena il 30/09/2011 01:45
  • Anonimo il 07/09/2011 13:25
    meravigliosa lirica e dedica ad un grande uomo... ogni tanto il signore ci regala queste pietre preziose da conservare nei nostri cuori bella marianna brava...
  • Virginio Giovagnoli il 09/06/2011 21:05
    Ogni tanto qualche speranza arriva ma poi con il tempo svanisce.
    Tu per un attimo, il tempo di leggerla mi hai dato questa speranza.
    La rileggerò volentieri, quando... scemeranno speranze. Ciao Marianna.
  • Marianna Sabia il 28/05/2011 12:41
    Grazie a tutti. Questa poesia è dedicata ad un uomo che mi... ci ha cambiato la vita: Giovanni Paolo II. Con una mano ci sostiene e con l'altra ci protegge.
  • Bruno Briasco il 28/05/2011 10:53
    Marianna sei UNICA! Bravissima... no coment
  • Sergio Fravolini il 28/05/2011 07:50
    Molto bella mi piace.

    Sergio
  • Giacomo Scimonelli il 28/05/2011 07:00
    bella... piaciuta e ben scritta
  • michela salzillo il 27/05/2011 23:54
    "Le generazioni contemporanee avevano fallito:
    l'uomo rifletteva la sua immagine di potente senza Dio
    sullo specchio dell'ipocrisia" Parole vere! Mi è piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0