username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

A VENEZIA

Sei bella,
Venezia,
che bella
ti desti
dal fondo
del mare,
in cui padrona
ti specchi.
Il mare
t'inargenta
e l'onda fugge;
il mio occhio
mira e rimira,
mentre il silenzio
mi parla.
Dolce è la visione,
dolce il cammino!
Belle sono
le onde là,
dove l'occhio
incantato spazia.
Un'eco odo risalire
dalle calle
e spandersi dolce
per l'aere
dal sapor di mare.
È voce amica
che nel cuore
penetra,
rimanendo
a perenne
ricordo.
Sono a Venezia
che incanta
e strega.

 

0
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Verbena il 23/09/2014 20:24
    Son davvero felice di leggere questa bella poesia su Venezia. Ne ho scritta una anch'io, quasi con la stessa forma (Glosa) e con qualche pensiero simile. Complimenti. I versi sono fluidi e profondi: Venezia tocca proprio il cuore, a maggior ragione un cuore poeta.

4 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0