accedi   |   crea nuovo account

Sono stato bambino

Ricordo campagne
di misteri infittite
moccichini colorati
tra bige montagne.

Sotto cieli costellati
da ridde di promesse,
attese notti di Natale
quasi a toglier le forze.

Stelle e luci d'illusioni
calde nel petto,
sotto il cielo più scuro
e la neve per tetto.

(Ferri e intrecci tintinnano lana).

Giorni tersi d'amore,
senza remora alcuna,
per il volto di madre.

(Cresce un cuore pian piano).

Vere perle sgranate,
sui ginocchi accoglienti,
quelle storie incantate
come vere, sognate.

(Occhi attenti sbarrati).

Poi le impazienti attese.
Lì, oltre i vetri appannati
che la pioggia annoiata
ceda al cielo sereno.

Per sentire nei campi,
sulle scarpe bagnate
lì, nel verde imperlato,
quella luce smeraldo
che mai più può sbiadire.

(Nonostante sia sera.
Ecco! Torna a fiorire).

Sogni e realtà così
come son stati
legati dentro il cuore.

(Mio e soltanto mio)

Segreto arcobaleno
tra il fortunale e il sole.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • angela testa il 07/06/2011 22:30
    emozionante a leggere... ricordi d'infanzia... stupenda...
  • Giuseppina Iannello il 04/06/2011 09:40
    Poesia di pura bellezza, vibrante di emozioni; nella luce evocativa degli affetti familiari ho scoperto analogie con le sensazioni della mia fanciullezza.
  • Attanasio D'Agostino il 02/06/2011 22:27
    Molto bella e profonda
    un caro saluto
    Tanà
  • Claudio il 31/05/2011 21:07
    Che dire veremente magnifica, bravissimo
  • vincent corbo il 30/05/2011 19:42
    Una vera poesia come se ne vedono poche in questo e in altri siti.
  • ELISA DURANTE il 30/05/2011 18:33
    Che belle immagini, molto evocative!
  • Ada Piras il 30/05/2011 17:14
    MOLTO BELLA, bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0