PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Er Gabbiano

C'è un gabbiano che tutte le matine
viè e se mette davanti ar pesciarolo
in piedi su du zampe fine fine
e lì stà tutto er dì senza pià er volo

l'ho guardato e j'ho detto: "che sciocchezza!
tutto er giorno stai lì senza fa gnente
solo perchè a la fine ciai certezza
che poi sicuramente
er pesciarolo butta quarchecosa..
nun è na vita inutile e nojosa?
perchè nun voli in giro p'er quartiere
così come che fanno l'artri ucelli? -
e lui me fa co 'n'aria un po' de quelli
che te risponnono pe fa er piacere:
- beh, nun me và de fa li mulinelli
lassù per aria come le bandiere..
me so stufato de stà appresso ar vento
che porta andò vò lui, quindi ar momento
sto qua senza volà ma certamente
si volo io lo fò controcorente
perchè ar vento me piace fallo fesso
chè così so er padrone de me stesso
e mò si nun te sembra malcreanza
fà er piacere d'annà pe la tua strada
perch'io de certo so uno che nun bada
a che fai te pe soddisfà la panza.. -

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • danilo il 31/05/2011 08:29
    Davvero molto simpatica, bravo...
  • ELISA DURANTE il 30/05/2011 18:44
    Saggezza e sorriso, in questi versi in vernacolo!
  • Anonimo il 30/05/2011 17:47
    Meravigliosa questa tua lirica. 5 stelle per il gabbiano e per il tuo spirito libero che vola dove gli va di volare senza la ''prepotenza del vento. Grande

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0