PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Roma

Cammino adagio indossando la notte,
le mani giacciono pigre nelle tasche dei jeans,
l’ombra si mescola a muri sfregiati.
Passi rintoccano sui “sampietrini**”
il “nasone*” gorgoglia argentino nel silenzio notturno.
Calmo l’arsura bevendo dalle mie mani
“La Città Eterna” si svela all’origine;
senza tempo sono questi luoghi
ieri, oggi, non v’è differenza.
In alto un delirio di stelle schiaccia l’anima,
una coppia senza tempo ruba un bacio
sotto un balcone ruffiano.
Mi guardano curiosi i gatti, in poltrona su pietre antiche.
Le narici si gonfiano d’aria molle di Giugno.
Densa è la coltre della solitudine.






* fontanelle di Roma.
**vecchio lastrico stradale.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Emiliano Francesconi il 06/12/2013 01:53
    La mia maestosa citta' descritta dai vicoli con portare malinconico romantico e affascinante!!!!! Bella!!!!!!
  • Rudy Mentale il 02/08/2007 19:43
    Sanguigna e un po' ruffiana. Piaciuta.
    Rudy
  • Anonimo il 18/05/2007 09:09
    il fascino della città eterna by night... immagini interessanti (balcone ruffiano) ... però! Delirio di stelle... scrivi, scrivi. A rileggerti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0