accedi   |   crea nuovo account

Riflessione

Iersera stavo a guardà ne lo specchio
quanto stavo a diventà vecchio
scoprivo ne la guancia una ruga
me vedevo ar mento una piega

Pensavo ar tempo che guasta e che divora
agli anni passati annanno fora.
Alle frasi degli amici irriverenti
" È passato n'antranno accidenti!"

Quanto è buffo er pensiero dell'umano
che crede de stà in eterno in sto pantano
e quanno cala il sipario della vita
nun s'accorge nemmeno che è finita!

 

0
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 11/02/2012 11:09
    ahaha! troppo simpatica... sei un GRENDE!!!

5 commenti:

  • Dorian Gray il 30/09/2007 19:03
    Nella seconda strofa si legge una sottile ironia-malinconia.
    Lo stile particolare rende l'opera molto interessante.
    Un saluto.
  • vittorio luciano banda il 13/05/2007 11:09
    Grazie Alfonsa spero che la facciano tutti questa riflessione.
    ciao vittorio
  • vittorio luciano banda il 13/05/2007 11:08
    grazie Carmelo è quello che ho sentito guardandomi in giro e vedendo tanti che hanno i capelli bianchi ma non li accettano e se li tingono ammantando la loro persona di una ridicola patina.
    ciao Vittorio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0