PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cieli intensi

Non controllo più
le mie paure.

Antiche gioie
sono la felice realtà
di un futuro
che non c'è.

Spade che portano il tuo nome
sono fiori da cogliere
nel breve infinito
che mi circonda.

Tu
che giaci sulle mie ossa
fai un cenno
cosi che io possa toccarti.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Bruno Briasco il 05/06/2011 08:19
    Malgrado una tristezza infinita molto molto bella!
  • Anonimo il 04/06/2011 14:19
    Ottima
  • silvia ragazzoni il 04/06/2011 14:16
    dolce e meravigliosa Sergio.. parole che escono da un cuore pieno d'amore
  • karen tognini il 04/06/2011 13:46
    Stupenda Sergio... Tu
    che giaci sulle mie ossa
    fai un cenno
    cosi che io possa toccarti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0