accedi   |   crea nuovo account

Trattandosi

Trattandosi d'esister sconosciuto
riflesso è l'ombra
nell'incrinato specchio

Barbuto il tempo mio
conscio e sottile
sofisticata impronta
vorrebbe smaltire

Se fossero
i gabbiani
le ombre d'un porto
e le betulle quelle
del bosco fitto

Addolorati dalla fortuna
saggi gnomi sarebbero
l'osare e il credere
mi salverebbero...

Conforto audace
la rassegnazione
un corpo seppellito
senza estrema
unzione.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Bruno Briasco il 14/06/2011 19:36
    molto molto bella...
  • Janco B. il 11/06/2011 23:32
    Come di una consapevolezza a cui non basta saper addivenire per accettare, e di un inconsapevolezza che non basta saper costruire per rendere credibile... una delle opere da cui vien fuori quella sofferta multivalenza che è uno dei tuoi tratti distintivi...

    Saluti...
  • laura cuppone il 06/06/2011 19:07
    il dubbio
    falsa
    e sapere non aiuta...

    grazie a tutti!
    Laura
  • loretta margherita citarei il 05/06/2011 20:51
    splendida
  • Laura Raggio il 05/06/2011 18:20
    Concordo con Attanasio, stupendamente bella!... cioa. cioa
  • Attanasio D'Agostino il 05/06/2011 18:15
    ..."Se fossero
    i gabbiani
    le ombre d'un porto
    e le betulle quelle
    del bosco fitto"...
    stupendamente bella nella sua profondità
    un caro saluto ed un abbracio Tanà.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0