PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Presentimenti

Mi sconvolgono immagini
di parole e pagine
di cui non conosco
le origini.

Il vento spinge
lei che piange
poi si ferma
cancella un'orma.

Un attimo prima
guarda gli occhi di chi ti ama
questa è l'ora dell'amore
e la sua ira.

Dopotutto
fa più paura
il rumore
dell'impatto.

Ci sarà un'altra scossa
ma poi tutto passa
sposto quei massi
più in fretta che posso.

Non è il sogno
non è la notte
ma il risveglio
a portar consiglio.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Isaia Kwick il 01/07/2011 06:30
    Siamo circondati da rumori che fanno paura, opera molto bella.
  • Anonimo il 08/06/2011 11:06
    ... il presentimento è come un sesto senso a volte è dentro di noi... hai ben descritto questo stato d'animo bravissina CRI
  • Vincenzo Capitanucci il 06/06/2011 09:04
    Il risveglio... ci porterà consiglio... Molto bella Cristiana.. per il momento possiamo solo spostare massi... per il momento masse di popoli si spostano.. cercando un sogno.. che non esiste nella superficialità indifferente del nostro mondo odierno..
  • Sergio Fravolini il 06/06/2011 08:12
    È un'opera molto ben impostata su un preciso argomento. Mi piace molto e il retrogusto che lascia. Brava.

    Sergio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0