accedi   |   crea nuovo account

Inno dei reietti

Antonio il messia
Predica per la via
La nostra salvezza
Dall'alto della sua saggezza

Roberta, per la piazza
Urla le sue verità,
Povera pazza
Perché la guerra ha violato i suoi occhi

E che dire di Renato
Dagli alieni spaventato
Da quel giorno che l'han rapito

E Anita
Che ha scelto il silenzio
Per parlare alla vita

Ricordo la mia amica Eva
Che ogni uomo fuggiva
Perché ogni uomo la spezzava

Gocce nel mare,
Gente non da capire
Ma soltanto da etichettare

Profughi
Nella società che li ha partoriti
E poi li ha abbandonati
Perché son troppo stretti i suoi binari

Li ho incontrati
Nei recinti della pazzia
Costruiti dal nostro mondo

Normale

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 07/06/2011 07:43
    piaciuta ed apprezzata
  • ELISA DURANTE il 07/06/2011 07:16
    Purchè l'incontro sia un prendere per mano e non un fotografare e basta...
  • Vincenzo Capitanucci il 06/06/2011 17:42
    Bellissima Maurizio... un inno dei marginali.. che non hanno trovato spazio.. fra due stretti binari...

    ... E Anita
    ha scelto il silenzio
    per parlare alla vita...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0