accedi   |   crea nuovo account

Ai sedicenti scrittori

*(studiando in sette ottavi)
mi fa un po' ridere, vi giuro ch'è vero
la mania di voler risaltare,
mettendo del bianco sul nero.

eppure son certo -ci potrei giurare-
che qualcuno ci creda davvero
di farsi vedere, di farsi notare

con versi di scarso valore.

*(tornando a noi)
(mi fa ridere chi)
S'improvvisa poeta, chitarrista e pittore
un genio dell'arte o sapiente dottore
perdendosi come tabacco nel vento
scrivendo testardo "perche" senza accento.
Eppure mi dico: "non è complicato!"
ma continuano a dirmi che non è sbagliato:
"Il Poeta risponde ad una tendenza
di postmodernismo con grande sapienza:
si nota 'sì bene con questa mancanza
la rottura col mondo e la poca pazienza
nel rispettar le dovute misure,
l'accento, la acca e le giuste figure."
Parole staccate, periodi incompiuti,
frasi isolate dai sensi incompresi.
Faccio il mea culpa, è che sono ignorante
lascio 'ste cose alla gente sapiente
sarà per invidia o per scarsa autostima,
preferisco tornare alla vecchia quartina.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • Rosarita De Martino il 06/01/2015 19:21
    Lo scrivere è un sentimento dell'anima che si espande nella comunicazione, certamente è manchevole quando non rispetta l'ortografia, la sintassi e la grammatica. Con simpatia. Rosarita
  • Sabrina Blasi il 13/06/2011 09:52
    Apprezzo ed approvo la tua poesia. Siti come Poesieracconti devono essere vissuti come una pagina bianca a disposizione di chi vuole condividere le proprie emozioni. Ci sarà sempre qualcuno che leggerà e ci sarà anche qualche anima buona che riuscirà ad apprezzare i nostri scritti. Forse n modo nuovo di parlare, di discutere si tenersi compagnia. Quindi niente dettami e arrampicate in cattedra... solo rime libere... Niente di più. Sabrina
  • Maria Rosa Castellano il 12/06/2011 18:57
    La poesia è una forma di arte e, come tale, fa parte del suo gioco:è comprensibile solo a "qualcuno2
  • Anonimo il 09/06/2011 16:32
    Verso l'esterno
    si espande la passione
    E netta corpo e mente
    liberando l'intuizione
    Forgia talenti fecondi
    con il suo magnetismo
    Si abbacina l'essenza,
    rapita di desio
    e capovolge il cielo
  • Gion Strusciante il 09/06/2011 16:03
    lo apprezzo tantissimo credimi!!
    Mi dispiace solo che a leggere 'sta poesia a freddo mi sento anch'io un poco str**** xD
  • Anonimo il 09/06/2011 15:59
    Come vedi... Io non ti ho scritto due parole... Ma ho aperto una discussione... In questo siamo in linea di pensiero
  • Gion Strusciante il 09/06/2011 15:47
    secondo me la funzione dei commenti è quella di esprimere posizioni, critiche e pensieri... meglio non limitarsi al "piaciuta"...
    ogni critica sulla forma e sui contenuti è ben accetta!
  • Anonimo il 09/06/2011 15:42
    Quanto sei polemico...
  • Gion Strusciante il 09/06/2011 15:39
    ma che lacrime di coccodrillo!! io stanotte dormo lo stesso
    ognuno ha un suo concetto di poesia e lo usa come vuole: io per esempio ho altri modi di esprimermi, con le parole ci gioco e questo certamente non fa di me un poeta.
    Io dico di essere ironico e AUTOironico non certo per captatio benevolentia, ma semplicemente perchè se scrivo su questo forum è perchè anch'io come tutti gli altri ho delle certe "pretese" dal mondo esterno (ossia farsi leggere ed esprimersi in qualche modo). Ed anch'io mi faccio ridere, lo dico senza ipocrisie, quando mi rendo conto di pensare che le mie parole in rima possano essere di reale interesse per qualcuno.
    Per quanto riguarda gli strafalcioni, trovo strano che una persona che scrive poesie (o gioca con le parole, come vuoi) faccia semplici errori di battitura per il semplice motivo che spesso e volentieri prima di pubblicare ci si rilegge... poi l'errore capita, ma non è certo quello il punto.
    Quello che voglio dire IO (rimarco che è una "posizione" personale) con questo è che lascio la poesia a chi la sa fare (e spesso è meglio che lo facciano anche tanti altri), esprimendomi nel modo a me piu congeniale, ossia con "versi" dal metro semplice e con rime e assonanze che abbiano un senso compiuto, quando possibile.
    Ognuno nei versi esprime il sentimento o un certo lato caratteriale. Come ho gia detto prima con le parole in rima ci gioco (non sta a me dire se bene o male), poi il mio essere interiore lo esprimo con parole diverse sia dalla poesia, sia da ciò che comunemente si definisce narrativa, usando il tradizionale diario o un blog privato (ma queste sono scelte individuali).

    Scusate il "papiello"
  • Anonimo il 08/06/2011 15:56
    Sono errori di battitura... Pensa al cuore delle poesie... Un laureato non scrive senza la acca, se non per una pura svista... E tu, perdendoti in questi dettagli, non cogli il cuore delle poesie, Giuseppe E poi, una volta che si pubblica, bisogna avere il fegato di prendersi le conseguenze... Sono inutili le tue lacrime di coccodrillo...
  • Gion Strusciante il 08/06/2011 15:33
    ciao Fenice! Io non voglio insegnare niente (non ne sono in grado, da come puoi vedere)... la mia era ironia e autoironia: tra i tanti ci sono anch'io, anche se metto la acca dove ci vuole e scrivo perchè con l'accento
  • Anonimo il 08/06/2011 02:54
    Se sai scrivere, componi una bella poesia!
    Penso che non ci sia miglior modo di insegnare che quello di dare il buon esempio...
  • Gion Strusciante il 07/06/2011 20:41
    volevo dire "che non sanno usare l'italiano"
  • Gion Strusciante il 07/06/2011 20:21
    hehehe in realtà io sono uno dei tanti ad esserci fino al collo io non sono esente dalla categoria dei sognatori, purtroppo o per fortuna
    in realtà non mi seccano tanto coloro che non usare l'italiano come la scuola dovrebbe insegnare (ho 22 anni, non sono certo uno dell'accademia della Crusca, io!), quanto quelli che vogliono fare gli intellettualoidi con le frasi incomplete e tutto il resto
    è che sono una mente semplice!
  • Anonimo il 07/06/2011 20:14
    Che dire Giuseppe... tecnicamente hai ragione da vendere... ma si sà chi troppo vuole nulla stringe... noi poveri illusi vogliamo piacere... noi poeti... solo nel cuore... perdonaci e tira avanti...
    Comunque grazie per aver perso il tuo prezioso tempo con noi!
    Bella la tua satita e ironia... a me è piaciuta! Adoro le critiche in ogni caso!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0