PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Orchidea selvaggia

Dell'eccesso era l'amante,
e tutto gli era dovuto
in virtù della sua bellezza,
gli sguardi degli uomini
ella catturava, sguardi
che s'incollavano puntuali
sulla rotondità dei suoi seni.
All'improvviso poi, gli sguardi nostri
s'incrociarono e un'incertezza
nel tono della sua voce, colsi.
Selvaggia: non era poi così selvaggia?
In quel dolce attimo di smarrimento,
pensai alla fragilità dell'orchidea
che fuori della serra, rabbrividisce
al refrigerio dell'alba.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 20/08/2011 07:40
    meravigliosa poesia... una metafora ben riuscita bravo
  • ELISA DURANTE il 09/06/2011 14:10
    L'apparenza a volte inganna! Molto piaciuta!
  • Giacomo Scimonelli il 08/06/2011 22:16
    molto bella...
  • Dolce Sorriso il 08/06/2011 18:06
    un applauso Fabio, versi come sempre bellissimi
  • giovanna raisso il 08/06/2011 16:56
    la fragilità la rende ancor più preziosa..
    bella Fabio
    un abbraccio
  • Anonimo il 08/06/2011 14:25
    ... mi ricorda il titolo di un film molto diciamo particolare... belle le tue parole...
  • loretta margherita citarei il 07/06/2011 17:07
    bella la metafora dell'orchidea, complimenti fabio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0