PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I Giorni Che Non Ci Incontrammo

Sotto il silenzio delle luci spente
seguo il marciapiede
il mio corpo stanco, lo trascino dietro
come un ombra.
Tutte queste facce e questi mezzi sorrisi
passano e passano su di noi
che non ci tendiamo la mano
per le strade del mondo.
Tanti, quanti bambini
provano a indovinarti la vita
e vecchi che sputano tabacco
sulla nostra strada.
Ricordo i nostri messaggi
scritti sui muri, dovevano accompagnarci
per mano, al nostro bacio.
Ora trascino il corpo
sotto queste luci spente e calde,
che in silenzio condannano la mente
a figurarsi l'ombra della morte.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • ELISA DURANTE il 09/06/2011 13:16
    Molto amara... ma bella!
  • Giacomo Scimonelli il 09/06/2011 06:38
    ''... Ricordo i nostri messaggi
    scritti sui muri, dovevano accompagnarci
    per mano, al nostro bacio.
    Ora trascino il corpo
    sotto queste luci spente e calde,
    che in silenzio condannano la mente
    a figurarsi l'ombra della morte.''

    piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0