PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Autopsia

La rassegnazione alla privazione
la tacita unione con il dolore
che fra tutti i profumi
è quello più marcio
il più negativo
se qualcosa è andato storto
è racchiuso in quell'onda
in quel termine dispregiativo.

È un'esperienza, il dolore
una punizione
una sofferenza interiore
è una ferita che non vuole chiudersi
è una lezione di vita
comune a chi l'ha vissuta
la vita.

Non sono sinonimi
non fanno neanche rima
ma sono come due gemelli
il dolore, la vita
sempre insieme girano
a braccetto
nella stessa locomotiva.

E quando uno dei due viene a mancare
inevitabilmente si perisce
il cuore che si arresta
o un viaggio verso realtà stupefacenti
diventa tutto un piacere
dolce e positivo
ma che vita è questa?

E quindi si continua
si stringono i denti
si cala un velo nero
si supera una salita
e poi il vuoto...
anche il silenzio fa parte della vita.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 09/06/2011 07:22
    così giovane... ma così profondo...
  • Anonimo il 08/06/2011 20:25
    La vita... una complicazione assurda! vita e dolore sempre a braccetto... e quando si arriva alla saturazione... si cercano vane distrazioni... durano un pò... ma poi la lama del bisturi riprende peggio di prima ad affettare l'emozione di averci almeno provato...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0