accedi   |   crea nuovo account

L'occhio depalpebrato di un lampione

L'occhio depalpebrato di un lampione
che a notte al canto d'un crocevia stando
vegliava pigramente ruminando
un flusso di elettron dopo elettrone,

vide ad un tratto un gruppo di persone
che forte si animavano parlando.
Ei non aveva orecchie e interpretando
le labbra fù che intese la questione.

Uno gridò: "occorre il nucleare,
sol questo è in grado di produr corrente
in quantità che ci potrà bastare".

Un altro invece: "poi vedrà chi vive
come niun pesce resterà nel mare
saturo ormai di scorie radioattive".

E ancora e ancor... Portando avanti il tema
al tempo in cui l'uomo cadrà in ginocchio
per il consumo delle lampadine...

Finchè il lampione a tanto pose fine
che in se pensando: "se son io il problema..."
Al buio li lasciò spengendo l'occhio.

 

0
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 30/03/2014 10:09
    Una poesia con un occhio proteso anche alle ragioni dell'ambiente (ma attento alle note che ti ho inviato in privato).

6 commenti:

  • giulio costantini il 09/06/2011 19:27
    a ste, secondo me potrebbe essere un misto tra sonetto e canzone (dove le 2 terzine finali danno luogo a questa forma poetica).. ma non è un sonetto caudato... da wikipedia: (il sonetto caudato) Questa variante si sviluppò nel sec. XIV, si tratta di un sonetto a cui viene aggiunta una "coda", solitamente costituita da un settenario in rima con l'ultimo verso del sonetto, e un distico di endecasillabi a rima baciata. Per ogni coda successiva alla prima il settenario rima con l'ultimo verso della coda precedente.
  • Stefano Cincinelli il 09/06/2011 18:32
    Mi sò sbagliato e unn'è caudato mah! Vordì che m'informerò meglio.
  • Stefano Cincinelli il 09/06/2011 18:21
    A Giulio! certo che ce poi provà. Si chiama sonetto caudato perchè c'ha a coda. Comunque te volevo dì che pure te sei bbravo e nun sbaji un endecasillabo.
  • giulio costantini il 09/06/2011 13:51
    a Stè.. sei proprio bravo... complimenti e senza piaggeria... te e gianny (mirra) siete i piu tecnici che leggo su sto sito... complimenti davvero... bella poi il congedo con 2 terzine in stile canzona antica (.. credo).. non ci ho mai provato... ke dici ce provo pur'io? andrà bene per il romanesco? boh! ciao grande..
  • Anonimo il 08/06/2011 21:26
    è originalissima! .. mi sono piaciuti sia il tema sia il modo in cui hai scritto i versi. È musicale ed interessante.
    complimenti
  • loretta margherita citarei il 08/06/2011 20:24
    ottima poesia complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0