accedi   |   crea nuovo account

Nell'immortalià

Resti lì
per sfinirmi.

Talvolta
la tua primordiale bellezza
fatta di carne e fuoco
disarma me stesso.

Un senso d'amore
si respira.

Toccami
nel disegno crudele
di ciò che muore.

Guardami
senza ragione
di bianco e d'azzurro
nelle follie ignote d'un infinito amore.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Francesco Castaldi il 06/04/2013 01:56
    "Nelle follie ignote d'un eterno amore". Che poetare d'altri tempi! Bellissimo!

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0