accedi   |   crea nuovo account

L'apatia

Er lampadario che stà sur soffitto
me guarda un po' perplesso eppoi me fa:
- ma perchè stai sdrajato sur sofà
co l'occhi fissi e standotene zitto?

ma che c'è? nun ciai voja de stà dritto?
c'è forse quarchecosa che nun và?
ciai er viso de chi è stanco de campà,
che succede? a che penzi così fitto?

e movete, e reagisci, fa sto passo
che fori ce stà er sole e li piccioni
che voleno ner cielo ch'è 'no spasso! -

- c'è da dì ch'oltre a illuminà la stanza
sei bono pure a rompe li cojoni -
j'arisponno grattannome la panza..

 

0
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 03/05/2014 09:48
    Un sonetto in vernacolo è una vera meraviglia!

5 commenti:

  • Graziano Giudetti il 15/06/2011 17:54
    Vi trovo la musicalità del vernacolo romanesco
  • Stefano Cincinelli il 09/06/2011 20:10
    Ti dorebbano da' i diproma di filosofo.
  • Anonimo il 09/06/2011 18:27
    Hahahaha magnifica, ironica e troppo bella, bravo Giulio
  • Andrea (le tre Botti) il 09/06/2011 16:36
    Bravo detto sinceramente e sorridendo
  • anna rita pincopallo il 09/06/2011 16:13
    simpaticissima

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0